CONDIVIDI

di Barbara Mennitti

Underwriters Laboratories, azienda indipendente leader nel settore della sicurezza fondata nel 1894, ha annunciato che accetterà di esaminare le sigarette elettroniche, di valutare e testare le loro componenti e di rilasciare per questi prodotti la North American Certification, un marchio che attesta la conformità con le leggi in vigore negli Stati Uniti e in Canada. La decisione dell’azienda è venuta dopo che il Dipartimento per la sicurezza americano aveva lanciato un allarme per l’aumento di incidenti e incendi dovuti all’uso dei vaporizzatori personali. L’espansione del mercato delle ecig rende necessario, secondo UL, garantire la sicurezza degli strumenti per la vaporizzazione.
L’azienda, dunque, si rende disponibile a collaudare e certificare le ecigarette, le loro batterie e i sistemi di ricarica utilizzando lo standard UL 8139. Si tratta di parametri specifici per valutare la sicurezza di di sistemi elettrici, di riscaldamento, di ricarica e delle batterie. Dunque, sottolinea UL in un comunicato stampa, non saranno testate le parti “che si consumano”, come le wick, i liquidi o le sostanze contenute nel vapore. Né, tantomeno, verranno presi in considerazione i possibili effetti fisiologici o a lungo termine dell’uso della sigaretta elettronica.
UL ha una lunga esperienza nel collaudo e nella certificazione di strumenti elettrici portatili alimentati a batterie o con caricatori. “Grazie a UL 8139 – sostiene Ghislain Devouge, vice presidente e general manager della Consumer Technology Division dell’azienda – abbiamo sviluppato una metodologia in grado di valutare e testare con sicurezza le sigarette elettroniche per quanto riguarda il rischio di incendio e di cortocircuito. Crediamo che ci sia molto bisogno di questo tipo di servizio”.

NON CI SONO COMMENTI

RISPONDI