CONDIVIDI

di Stefano Caliciuri

Probabilmente i problemi del circuito della prima versione della Cuboid hanno convinto gli ingegneri di Joyetech a correre ai ripari. E così è occorso qualche mese di lavoro nei laboratori di Shenzhen prima di poter dare alla luce la nuova versione della box che si chiamerà Cuboid Tap. La novità più evidente è il tasto di attivazione iper sensibile al tatto. In sostanza, è costruito con la stessa tecnologia dei mouse tattili dove non occorre fare molta pressione per attivare il circuito. Bisognerà attendere qualche settimana prima di poter dire se l’intuizione sarà premiata oppure rischia di diventare un accessorio delicato e poco utilizzabile nel vaping.
Per il resto, la Cuboid non presenta nulla di nuovo. Monta due batterie 18650, raggiunge una potenza di 228 watt ed è disponibile in cinque diverse tonalità cromatiche. Sarà venduta anche in kit con il nuovo atomizzatore Pro Core Aries Tank che va quindi a sostituire il Cubis, ex “compagno preferito” delle Cuboid. L’atom è costruito per i tiri di polmone e nella confezione sono già contenute due resistenze da 0,4 e da 0,15 ohm.

NON CI SONO COMMENTI

RISPONDI