CONDIVIDI

di Stefano Caliciuri

Si chiama “fenomeno roller coaster”, ovvero delle montagne russe. E’ quanto accade ad ogni nuovo settore o attività nelle prime fasi di esistenza. Ad un boom iniziale segue un periodo di crisi a cui segue un altro di ripresa. Il quarto step dovrebbe essere quello dell’assestamento. Il vaping non si è sottratto a questa regola. Dal 2011 ad oggi ha già attraversato le prime due fasi, ora è nel pieno della terza fase di sviluppo e ripresa. Mancando dati ufficiali forniti dalle varie e variegate associazioni di settore e di categoria, il trend può essere percepito osservando due aspetti: le persone che utilizzano una sigaretta elettronica e la presenza di negozi su strada. A dispetto di quanto si osservava un paio di anni fa, lungo le strade sono tornate a vedersi numerose persone con l’ecig in mano. Parallelamente, sono tornate ad essere altrettante numerose le nuove aperture di negozi specializzati. Basti pensare che una catena come Puff tra la metà di giugno e la fine di agosto ha in programma ventuno nuove aperture. In particolare, il simbolo dell’azienda guidata da Umberto Roccatti approderà a Madrid, Calolziocorte, Conegliano Veneto, Tivoli, Montagnana, Udine, Verona, Gazzaniga, Lamezia Terme, San Giovanni Lupatoto, Menfi, Mantova, Borgaro, Torino, Senigallia, Fabriano, Cividale del Friuli, Lodi, San Vito al Tagliamento, Belluno e Iseo. Aperture che attraversano l’intero stivale, oltre quella nella capitale spagnola. Nuove insegne su strada significa maggiore visibilità per l’intero settore, maggiore visibilità può voler dire maggiore considerazione anche da parte del legislatore e delle istituzioni. Il settore è dunque vivo e vegeto, in grado di sopravvivere nonostante gli sgambetti istituzionali e fiscali degli ultimi anni. Il vaping è ormai una abitudine consolidata. Senza dimenticare però che, prima di essere una moda, il principale obiettivo è far smettere le persone di fumare, è lo strumento di riduzione del rischio e del danno che ad oggi è riuscito ad ottenere i risultati più importanti. E come tale dovrebbe essere principalmente considerato anche e soprattutto dagli operatori di settore.