Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Approda in Italia l’azienda rivelazione del Vapitaly

Sono stati fra le sorprese più piacevoli e inattese di Vapitaly dello scorso novembre. I liquidi Pulp, prodotti dalla francese Sunny Smokers, sono stati protagonisti della due giorni veronese, tanto che in alcuni momenti bisognava sgomitare per riuscire ad assaggiarli. Il curato salottino allestito da Sunny Smoker con l’aiuto di un ebanista (e premiato per l’originalità dalla redazione di Sigmagazine) era costantemente affollato di visitatori: seduti ai tavolini, adagiati più comodamente su divani e poltrone o appollaiati sugli sgabelli davanti al bancone, tutti a provare l’esotico Corne de Gazelle o il fresco Medina Tea.

IMG-20160215-WA0003Incoraggiata dal riconoscimento, forse anche un po’ inaspettato, e dalla sensazione che “gli italiani siano innamorati del vaping” (come ha dichiarato il titolare Gilles Toledo intervistato da Sigmagazine), la Sunny Smoker ha deciso di puntare seriamente sul mercato italiano. I 36 gusti della linea di liquidi Pulp sono dunque pronti ad arrivare nei negozi della Penisola con etichette a norma e in lingua italiana e con un distributore dedicato, SmookeFrance.

IMG-20160215-WA0005Gli e-liquids Pulp sono composti al 70 per cento da glicole e al 30 per cento da glicerina e l’assortimento delle aromatizzazioni è vasto ed esotico. Oltre ai quattro tabaccosi classici, ci sono i tabacchi “arricchiti”, dove il gusto è esaltato, per esempio, dalle note del Calvados, da miele e noci o da banana matura e cacao, oltre agli accostamenti più usuali come il whiskey, la menta e il caffè.

Ampia scelta anche per gli aromatici. La menta è declinata addirittura in cinque diverse varietà, mentre tra i fruttati troviamo fra gli altri due tipi di banana (schiacciata e verde), il melone della Provenza, le bacche rosse alla liquirizia e i mirtilli alla menta. Ma è fra i mix che si trovano gli accostamenti più insoliti. Come l’anice selvatico e il cetriolo, la verbena e il pompelmo rosa, la nocciola e la mela, o il Corne de Gazelle, un dolce marocchino con un sentore di acqua di fiori d’arancio.

sigmagazine-gw_colyseus

Articoli correlati