Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Senatore conservatore australiano vince premio Riduzione del danno 2018

Il senatore del Partito conservatore australiano, Cory Bernardi, ha ricevuto un premio per la sua attività di promozione della legalizzazione delle sigarette elettroniche con nicotina. Il riconoscimento gli è stato conferito da Legalize Vaping Australia, una associazione collegata alla più grande Australian Taxpayers’ Alliance. Cory Bernardi è quel senatore che, a metà del febbraio scorso, girò intorno al Parlamento di Camberra alla guida del Vape Force One (in basso foto Ap), un autobus che promuoveva la legalizzazione del vaping per salvare le vite dei fumatori. Certamente è un’iniziativa che ha avuto un peso nella decisione di assegnargli il riconoscimento. Ma Bernardi non si limita a questi exploit pittoreschi.
Bisogna sospendere la logica – commentava il senatore a margine dell’iniziativa Vape Force one – per accettare la politica australiana sulle sigarette elettroniche”. Ed oggi, dalle colonne di ABC News torna a criticare pesantemente il governo che ancora proibisce la vendita di liquidi per sigaretta elettronica con nicotina. “Sono un fumatore ravveduto, – spiega Bernardi – so quanto è difficile smettere e tutto quello che possiamo fare per ridurre i danni connessi alle sigarette è un passo nella direzione giusta”. “Il vaping – sottolinea – è semplicemente un altro strumento per somministrare nicotina molto meno dannoso di tante alternative”. E insiste sul numero di vite che si potrebbero salvare se il governo australiano sollevasse il divieto sulla nicotina.
Insomma, in Australia il cerchio si va stringendo introno al Ministro della salute Greg Hunt, ostinato oppositore del vaping. Meno di un mese fa un gruppo trasversale di senatori, guidato da David Leyonhjelm dei Liberal democrats, prometteva ostruzionismo a qualsiasi proposta parlamentare di Hunt, finché permaneva il divieto per le sigarette elettroniche con nicotina. Mentre nella Camera dei deputati del Paese, fra le altre posizioni pro vaping,si registra quella particolarmente importante di Trent Zimmermann, presidente della Commissione salute di quel ramo del Parlamento.

Articoli correlati