CONDIVIDI

di Stefano Caliciuri

La Nuova Zelanda apre ufficialmente al vaping. La storica devisione è stata anche conseguente ad una decisione del tribunale che ha dichiarato illegittimo il divieto di vendita dei liquidi contenenti nicotina. Le aziende adesso possono quindi importare i prodotti, così come i consumatori possono acquistarli senza incorrere in sanzioni. Sino ad oggi erano consentiti solo i liquidi senza nicotina. Cade anche il divieto di vaping nei luoghi al chiuso che rimane invece valido solo per i prodotti del tabacco combusto. I titolari delle attività o i responsabili degli uffici possono però decidere di vietare l’uso di sigarette elettroniche così come avviene anche in Italia. Il governo neozelandese sta ora pensando di regolamentare differentemente il fumo dal vapore anche alla luce della sentenza della Corte. Rimane invece in vigore il divieto di pubblicità, il divieto di vendita ai minori e il rispetto delle indicazioni di sicurezza sugli imballaggi. Nei giorni scorsi l’apertura del ministro della salute aveva lasciato ben sperare. Ed infatti così è andata.