CONDIVIDI

di Stefano Caliciuri

Ci saranno anche i consumatori di sigarette elettroniche alla prossima riunione di alto livello delle Nazioni Unite sulla prevenzione delle malattie non trasmissibili. Come avevamo già scritto nei giorni scorsi, nella lista dei 181 organismi convocati in audizione il prossimo 27 settembre è presente anche Innco, la rete internazionale composta dalle associazioni che tutelano i consumatori di nicotina liquida e sigarette elettroniche. In ottica di riduzione del danno è un importantissimo risultato per tutti gli utilizzatori del device elettronico. Autorevole anche la presenza italiana: Riccardo Polosa è il consulente scientifico del network Innco; dallo scorso mese di giugno è entrata a far parte di Innco anche Anpvu, l’associazione italiana presieduta da Carmine Canino. L’Italia è dunque ottimamente rappresentata all’interno del network che sta sempre più diventando voce autorevole e punto di riferimento degli organismi multilaterali internazionali.
Il riconoscimento presso l’Onu segna un importante passo in avanti nella divulgazione e sensibilizzazione verso la riduzione del danno e la lotta al tabagismo.