CONDIVIDI

Paese che vai, normativa che trovi. Se stare dietro a tutti i cambiamenti regolatori che avvengono nei Peesi del mondo è impossibile, seguire con attenzione quelli europei è un po’ più semplice. I Paesi membri dell’Unione hanno quasi tutti recepito la Direttiva sui tabacchi anche se con ampi margini di restrizione e interpretazione. È importante sottolineare che mentre sui treni non è consentito svapare ma non ci sono restrizioni di trasporto di hardware e liquidi, in aereo ogni compagnia può decidere se e cosa far imbarcare, sia in stiva che nel bagaglio a mano. È sempre bene contattare il servizio clienti della compagnia prescelta per ottenere tutte le informazioni utili al fine di evitare spiacevoli inconvenenti al momento dell’imbarco.
Vediamo allora nel dettaglio come i vari Paesi europei trattano la metraia del vaping, grazie ad un ottimo e ragionato lavoro dello staff britannico di Ecigarettedirect.

Albania – Le sigarette elettroniche e i vaporizzatori personali sono legali.
Andorra – Legale sia la vendita che l’uso.
Armenia – Legale vendita e uso. Tuttavia, ci sono rapporti informali secondo cui il governo starebbe pianificando di vietare lo svapo.
Austria – L’uso e la vendita di e-cigs è legale, ma vi sono divieti di svapare in luoghi pubblici e ovunque sia vietato il tabacco.
Azerbaijan – Legale sia la vendita che l’uso.
Bielorussia – Legale la vendita e l’uso. Ci sono piani governativi di portare lo svapo sotto gli stessi regolamenti del tabacco.
Belgio – Le sigarette elettroniche sono legali, ma vietate nei luoghi pubblici e nei trasporti pubblici.
Bosnia ed Erzegovina – Legale sia la vendita che l’uso.
Bulgaria – Legale, sebbene lo svapo sia vietato in alcuni luoghi pubblici.
Croazia – La Croazia ha recepito la Direttiva europea sul tabacco: significa che le e-cigs possono ora essere acquistate legalmente nel paese. Vaping proibito in alcuni luoghi pubblici.
Cipro – Legale, ma i liquidi sono tassati di 12 centesimi per ml. Proibito in alcuni luoghi pubblici, sui trasporti pubblici e in auto quando è presente un minore o una donna incinta.
Repubblica Ceca – Legale sia la vendita che l’uso.
Danimarca – Legale sia la vendita che l’uso.
Estonia – Legale sia la vendita che l’uso.
Finlandia – Legale, ma siccome la nicotina è considerata un farmaco soggetto a prescrizione, è illegale vendere cartucce o e-liquid contenenti nicotina. Tuttavia, le cartucce con meno di 10 mg di nicotina ed e-liquid con meno di 0,42 g di nicotina possono essere importate legalmente solo per uso personale. Sono vietati gli acquisti online.
Francia – Legale sia la vendita che l’uso.. L’uso in luoghi pubblici è limitato.
Georgia – Lo svapo è attualmente legale, ma vietato negli spazi pubblici ad eccezione degli stabilimenti creati appositamente per il fumo.
Germania – Legale sia la vendita che l’uso.
Grecia – Legale con restrizioni. L’uso è vietato in molti luoghi, comprese le aree pubbliche e sui trasporti pubblici. L’e-liquid contenente nicotina è tassato di 10 centesimi per ml. Non si possono vendere liquidi senza nicotina.
Irlanda – È consentita l’importazione, la vendita e l’uso di sigarette elettroniche. Vietato l’utilizzo su tutti i mezzi pubblici.
Islanda – Le sigarette elettroniche sono legali, tuttavia le cartucce e le ricariche contenenti più di 0,9 mg di nicotina sono illegali.
Lettonia – Legale sia la vendita che l’uso. Il liquido è tassato è di 0,01 euro per ml con una tassa aggiuntiva di 0,005 euro ogni milligrammo di nicotina.
Liechtenstein – Legale solo all’interno delle aree riservate ai fumatori. Età minima di 16 anni.
Lituania – Le sigarette elettroniche sono legali.
Lussemburgo – Le sigarette elettroniche sono legali. Proibito in determinati luoghi pubblici e in veicoli in cui è presente un bambino di età inferiore ai 12 anni.
Macedonia – La normativa è in fase di scrittura da parte del governo.
Malta – Le sigarette elettroniche sono consentite, ma sono considerate un prodotto del tabacco pertanto non possono essere utilizzate in spazi pubblici chiusi. L’uso è vietato nei luoghi pubblici e nei veicoli in cui è presente un bambino di età inferiore ai 16 anni.
Moldavia – Legale sia la vendita che l’uso. Al vaglio l’introduzione di una tassa sui liquidi. .
Montenegro – Legale sia la vendita che l’uso. Liquido elettronico tassato al tasso di 0,9 euro ogni millilitro
Norvegia – Il divieto di vendita di e-cigs è stato revocato nel 2016, ma lo svapo è vietato nei luoghi in cui è vietato fumare.
Olanda – Legale sia la vendita che l’uso.
Polonia – Sigarette elettroniche permesse. Lo svapo è vietato in alcuni luoghi pubblici e mezzi pubblici.
Portogallo – Legale sia la vendita che l’uso. Lo svapo è vietato in alcuni luoghi pubblici e mezzi pubblici.
Regno Unito – Le sigarette elettroniche sono legali sia nei luoghi al chiuso che all’aperto. È il Paese con le norme più favorevoli verso il vaping tanto che il governo lo sostiene in ottica di riduzione del danno.
Romania – Legale sia la vendita che l’uso.. Lo svapo è vietato sui trasporti pubblici.
Russia – Lo svapo è attualmente legale ma non nei luoghi pubblici al chiuso. Ci sono piani per tassare sia i dispositivi che l’e-liquid, ma è improbabile che ciò accada in tempi brevi.
Serbia – Legale la vendita e l’utilizzo. L’E-liquid è tassato di 4,06 RSD per ml.
Slovacchia – Lo svapo è legale ma è vietato nei luoghi pubblici e nei trasporti pubblici.
Slovenia – Le sigarette elettroniche sono consentite ma non possono essere utilizzate in luoghi pubblici in cui le sigarette di tabacco sono vietate.
Spagna – Legale. Tuttavia, le sigarette elettroniche sono vietate nella maggior parte dei luoghi pubblici e la vendita di e-cigs potrebbe presto essere vietata online.
Svezia – Con l’attuazione della direttiva sui prodotti del tabacco, è legale acquistare e-sigarette e e-liquid.
Svizzera – Le sigarette elettroniche sono consentite. Il Tribunale con una sentenza ha abolito il divieto di vendita dei liquidi contenenti nicotina.
Turchia – Il Ministero della Sanità ha emesso una circolare che afferma che l’importazione di prodotti del vaping è illegale, un’altra legge afferma che i prodotti di svapo devono essere trattati come tabacco. C’è ancora incertezza normativa.
Ucraina – Le sigarette elettroniche in Ucraina sono legali. Per lo più ricadono sotto le stesse leggi delle sigarette normali e non possono essere utilizzati in luoghi in cui il fumo è vietato.
Ungheria – Legale sia la vendita che l’uso.. I liquidi sono tassati di 22 centesimi per ml.