Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

"Pretendiamo che il governo mantenga gli impegni presi sulla sigaretta elettronica"

Riceviamo e pubblichiamo comunicato Apnvu, l’associazione a tutela dei consumatori di sigarette elettroniche, relativo alla momentanea assenza di provvedimenti “salva-settore” all’interno della bozza del Decreto legge fiscale

Leggendo la prima stesura del decreto fiscale, non possiamo far a meno di constatare, con estremo rammarico, l’assenza di un qualsiasi riferimento alla modifica della tassazione vigente in merito ai vaporizzatori personali. Il Governo Italiano si è sempre approcciato a questo tema mettendo in atto politiche economiche volte solo ad introitare dal comparto dei produttori, dei lavoratori e dei consumatori del settore, trascurando l’informazione in materia medico scientifica e la tutela della salute dei cittadini (diritto alla Salute sancito costituzionalmente dall’art.32) che avrebbe dovuto essere tema primario di ogni dibattito. Essendo a rischio sopravvivenza un intero settore, seppur piccolo, dell’economia italiana, le urgenti e prioritarie aspettative che la nostra Associazione, e l’intero Settore, pretende  oggi da questo Governo sono quelle di vedere finalmente anche lo Stato Italiano approvare e condividere politiche atte a favorire, rilanciare, promuovere ed incentivare il settore del vaping. Il nostro auspicio è che le forze politiche, oggi alla guida del Paese, diano seguito agli impegni presi in materia di sigarette elettroniche, ribadiamo, dunque, l’urgenza di ottenere quanto già dalle stesse associazioni richiesto a firma congiunta (azzeramento dell’imposta, uscita da AAMS, certificazione dei prodotti, tutela effettiva dei consumatori e collaborazione con le Istituzioni Sanitarie). Auspichiamo che gli impegni presi dall’On.le Salvini con le Associazioni di categoria si tramutino in gesti concreti al fine di agevolare l’utilizzo dei vaporizzatori personali come strumento della lotta al tabagismo perché attualmente la disinformazione e la pesante tassazione rendono iniquo ogni sforzo profuso dalla nostra Associazione per la diffusione di un mezzo valido per la riduzione del danno da fumo“.

Articoli correlati