Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

I liquidi per sigaretta elettronica non danneggiano le cellule dei bronchi

Nuova ricerca mette a confronto l’attività dei liquidi per e-cig con il condensato di fumo di sigaretta.

Uno studio in laboratorio, intitolato “High content screening in Nhbe cells shows significantly reduced biological activity of flavoured e-liquids, when compared to cigarette smoke condensate” ha valutato gli effetti degli eliquid, con o senza nicotina o aromi, sui tessuti polmonari. In questo caso i ricercatori hanno utilizzato una sofisticata tecnica di screening (high content screening) per misurare e confrontare l’attività dei liquidi per la sigaretta elettronica e del condensato di fumo di sigaretta sulle cellule dell’epitelio bronchiale umano. Sono state scelte queste cellule perché l’epitelio costituisce la prima barriera biologica contro le sostanze tossiche che vengono inalate. Lo screening prevedeva focus di osservazione che coprivano la salute cellulare, la produzione di energia e lo stress ossidativo.
Lo studio, che sarà pubblicato sul numero di agosto di Toxicology in Vitro, è stato commissionato da Imperial Brands e coordinato da Lukasz Czekala. Per i test sono stati utilizzati sette liquidi, tutti a marchio Blu. Tre senza aromatizzazione composti da glicole propilenico e glicerina vegetale con concentrazione di nicotina pari a 0, 1,2% e 2,4%. Gli altri quattro, tutti con concentrazione di nicotina al 2,4%, erano aromatizzati al tabacco, mentolo, mirtillo e vaniglia e composti per il resto da Pg e Vg in percentuali variabili. È da sottolineare che le cellule sono state tenute in coltura e non sono state esposte all’aerosol prodotto dalla sigaretta elettronica e da quella di tabacco, come invece nel test di cui abbiamo parlato qualche giorno fa.
I risultati dimostrano che mentre il condensato di fumo di sigaretta ha effetti negativi in tutte le fasi di osservazione dello screening già ad una concentrazione di 0,001%, tutti i liquidi testati non si sono rivelati citotossici e non avevano impatto negativo in concentrazioni inferiori all’1%. La presenza degli aromi ha dimostrato di causare degli effetti, non rilevati con i liquidi neutri, come l’arresto del ciclo cellulare, ma in concentrazioni molto più elevate rispetto al condensato di fumo di sigaretta e a livelli che non corrispondono all’esposizione conseguente a un normale uso quotidiano. L’aroma più attivo era il mentolo che dava effetti in concentrazioni fra 43 e 659 volte superiori al condensato di fumo.

Articoli correlati