Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002
navigazione Categoria

In Evidenza

Sigaretta elettronica: i fumatori indiani sono pronti, la politica no

Un sondaggio rivela che gli indiani vorrebbero poter utilizzare la sigaretta elettronica come alternativa al fumo. Ma la politica pone ancora ostacoli e divieti per la diffusione dello strumento di riduzione dei danni da tabacco. Forse non a caso sarà proprio l'India ad ospitare il prossimo novembre la Conferenza mondiale sul tabacco.

Approfondimento a senso unico, la strana scelta del Ministero della Salute

Una giornata di approfondimento a senso unico: non si può definire altrimenti il convegno organizzato dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità sui "nuovi rischi della sigaretta elettronica". Ignorata tutta la parte scientifica, primo fra tutti il professor Polosa, che sostiene dati alla mano l'esatto contrario: la sigaretta elettronica è uno strumento di riduzione del danno da tabagismo.

P3L, la nuova sigaretta elettronica di Philip Morris

Il Christchurch Clinical Studies Trust, laboratorio neozelandese, ha appena annunciato di aver completato gli studi clinici di una innovativa alternativa alle sigarette tradizionali. Il prodotto testato ancora allo stadio di prototipo, detto P3L (Platform 3 Liquid), è made in Philip Morris.

Caffé, fragola, mentolo: aromi ancora sotto attacco

Maciej Goniewicz ha già effettuato in passato studi che vanno sempre nella stessa direzione: dimostrare la pericolosità della sigaretta elettronica e dei vapori da essa sprigionati. I principali committenti dei test sono la Germania e la Polonia, due Paesi che hanno introdotto rigide norme contro il vaping e, forse non a caso, hanno disposto il divieto di vendita di e-liquids mentolati.

Ancora un rinvio per il Vaper Expo di Torino

La fiera in corso di organizzazione a Torino pare incontrare difficoltà, non si sa se logistiche o di adesioni. Da maggio ad oggi per la terza volta è cambiata la data dell'evento e la pagina delle iscrizioni sul sito ufficiale non è accessibile.