Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 5 all’11 maggio

La Nuova Zelanda avvia una campagna di sensibilizzazione per convincere i fumatori a passare all'e-cig; in Canada la Corte Suprema annulla il divieto di pubblicità dei prodotti del vaping. In Gran Bretagna, intanto, crolla il numero dei detenuti fumatori nelle carceri scozzesi grazie alla diffusione della sigaretta elettronica.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 27 gennaio al 2 febbraio

Dalla Gran Bretagna un importante studio sull'efficacia dell'ecig, mentre una ricerca australiana ridimensiona la pericolosità della nicotina. Il presidente bielorusso mette i confini al vaping e la Francia si interroga su minori e fumo passivo. Negli Usa l'antitrust vaglia se dare il via libera all'ingresso di Altria in Juul, intanto la startup sarebbe in procinto di sbarcare in India.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 20 al 26 gennaio

In Usa e Canada autorità sanitarie in allarme per il vaping fra i giovanissimi, mentre in Gran Bretagna alcuni ospedali permettono lo svapo all'interno delle loro strutture. Intanto il 2018 si è confermato come un anno di crollo per Big Tobacco, tanto che Altria, dopo aver acquistato quote di Juul, mirererebbe al mercato della cannabis.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 13 al 19 gennaio

La Gran Bretagna continua la sua battaglia per una corretta informazione sul vaping, mentre uno studio in Grecia rivela che 7 clienti di vapeshop su 10 hanno smesso di fumare. In Pakistan, invece, un'associazione di medici chiede di proibire l'ecig e la Thailandia studia come far osservare il divieto già esistente.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 30 dicembre al 5 gennaio

Consueto appuntamento settimanale con la rassegna stampa internazionale dal mondo del vaping. Fari puntati anche sugli Stati Uniti, dove è in calo la cosiddetta "epidemia" tra i giovani; sulla Germania che si consolida tra i Paesi dove il vaping è in forte ascesa; dalla Scozia che prosegue con il programma antifumo nelle carceri.