Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Indagine minori in gravidanza: proibire l’ecig aumenta il fumo

“Tradizionalmente l’uso delle sigarette diminuisce durante la gravidanza – dice Janet M. Currie, capo del Dipartimento di economia dell’Università di Princeton – ma i nostri risultati dimostrano che le leggi che limitano l’accesso alle sigarette elettroniche rallentano questa diminuzione perché impediscono alle donne di passare all’ecig".

La sigaretta elettronica non intacca le vie respiratorie. Anzi…

Il professor Polosa: "Per la prima volta nel campo della ricerca applicata alla cura delle malattie fumo correlate abbiamo voluto valutare i cambiamenti a lungo termine e gli esiti delle valutazioni respiratorie in fumatori con Bpco che sono passati all’uso regolare di e-cig. E i risultati raggiunti sono stati decisamente migliori di quanto ipotizzato".

Nuova ricerca: il vapore non danneggia il Dna delle cellule polmonari

James Murphy, capo del dipartimento Risk Substantiation di Bat: “Siamo riusciti a dimostrare che il DNA delle cellule umane di polmone riporta danni significativi quando è esposto al fumo, ma non al vapore dell’ecigarette. Questa scoperta va a corroborare le prove del rischio ridotto rappresentato dal vaping rispetto al fumo”.

La sigaretta elettronica migliora la salute di denti e gengive

Studio a cura di un pool di ricercatori calabresi e pugliesi. Dopo quattro mesi di ecig, diminuisce la formazione di placca. Situazione ancora più eclatante per quanto riguarda il sanguinamento gengivale, presente nella maggioranza dei pazienti all’inizio dell’esperimento e scomparso quasi completamente dopo tre mesi di ecig.

Le nuove funzioni sociali e psicologiche della sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica ha mutato in breve tempo la funzione sociale e psicologica per cui fu ideata: da strumento per smettere di fumare a oggetto per rappresentare la propria dimensione. Ma ciò può creare “nuovi modi di consumare“ che potrebbero diventare anche patologici in adolescenti e adulti a seconda anche della quantità di nicotina assunta.