Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002
navigazione Tag

polonia

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 14 al 20 giugno

Il Gfn 20 lancia un appello in favore degli strumenti di riduzione del danno, mentre esperti chiedono all'Oms un cambio di rotta. Negli Usa una studiosa apre il dibattito sull'effetto boomerang delle campagne antivaping rivolte ai minori, mentre l'Australia decide di permettere l'e-cig solo dietro prescrizione medica.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 1° al 7 dicembre

Asia nella morsa proibizionista: game over per la sigaretta elettronica in India, si discute in Bangladesh e nelle Filippine. In Europa, l'Ungheria limita la vendita dei prodotti del vaping alle tabaccherie, mentre dal Regno Unito continuano ad arrivare notizie rassicuranti sull'e-cig.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 17 al 23 giugno

di Pierluigi Mennitti Turchia – Studio, l’ecig incide molto meno del fumo sulla qualità della voce Un nuovo studio sull’impatto della sigaretta elettronica sulla salute ha evidenziato un aspetto finora rimasto in ombra: il vapore non incide sulla qualità della voce dei vapers quanto il fumo su quella dei fumatori. La ricerca, diretta da Birgül […]

Polonia, governo raddoppia la tassa sui liquidi per sigarette elettroniche

di Stefano Caliciuri La Polonia potrebbe introdurre una supertassazione sui liquidi di ricarica per sigarette elettroniche. La misura dovrebbe colpire sia quelli contenenti nicotina che quelli senza. Il disegno di legge è attualmente in fase di discussione e, se l’iter porterà all’approvazione come annunciato e auspicato dal Ministro alle finanze, da gennaio 2018 la tassa […]

Ecig, Polonia: presto divieto vendita online?

Governo e parlamento impegnati nel recepimento della Direttiva europea su tabacchi e prodotti del vaping. Oltre il divieto di vendita ai minori e l'utilizzo in ospedali e scuole, in discussione anche la chiusura di tutti gli shop online.