CONDIVIDI

di Barbara Mennitti

Si terrà a Londra il 13 e il 14 novembre prossimi l’edizione 2018 – la quinta – di Next Generation Nicotine Delivery Conference. Sarà una due giorni incentrata sui trend di mercato dei prodotti di nuova generazione per la somministrazione di nicotina, sulla loro innovazione e anche sulle posizioni della sanità pubblica verso queste novità. Ma il fulcro delle presentazioni e delle sessioni interattive sarà comunque il mercato: cosa vogliono i consumatori dei prodotti alternativi e come soddisfare le loro esigenze, attraendo una clientela sempre più numerosa. La conferenza è dunque rivolta soprattutto agli attori del mercato: l’industria che produce sia hardware che liquidi da inalazione, in senso stretto e in senso lato.
Fra gli sponsor si trovano infatti molte aziende del mondo del vaping e aziende tecnologiche, mentre fra i media partner si riscontrano, fra gli altri, nomi noti come l’osservatorio ECigIntelligence, il magazine francese PGVG e la nostra rivista Sigmagazine. Ad oggi sono previsti ventinove speaker, che vanno dai dirigenti di aziende come Chubby Gorilla, Element E-liquid e Nicopure a John Dunne di UKVIA (l’associazione che riunisce l’industria del vaping del Regno Unito), passando per numerosi analisti di mercato, produttori di Cbd e Alexander Nussbaum, il direttore del dipartimento Scientific & medical affairs di Philip Morris Germania.
Scorrendo il programma, si nota che particolare attenzione è riservata ai mercati americano ed europeo. Per il primo si cerca di tracciare quale sarà lo scenario per i prossimi dodici mesi, spiegando al contempo cosa devono fare le aziende produttrici per assicurarsi la sopravvivenza e quali sono le richieste della Food and Drug Administration. Per l’Europa, invece, l’attenzione è rivolta alle trasformazioni del mercato della vendita al dettaglio: qual è la situazione nelle diverse aree geografiche del Continente, quali sono le preferenze e le aspettative dei consumatori, quali sono le limitazioni e le opportunità per attuare strategie di marketing vincenti e come “sopravvivere” alla disinformazione sul prodotto.
Approfondimenti anche per il mercato dei prodotti a base di Cbd, ormai in rapido sviluppo sia in Europa che negli Usa, e per i sali di nicotina e la possibilità o meno di replicare il successo americano in Europa, dove la Tpd pone il limite dei 20mg/ml di nicotina nei liquidi da inalazione. La conferenza si terrà presso l’hotel Park Plaza London Riverbank.