Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 10 al 16 novembre

Il Cdc comunica che ha trovato olio di vitamina E in tutti i campioni di polmone analizzati e si spera che il presidente Trump a riveda l'annunciato divieto sugli aromi nei liquidi. Ma nel Vecchio Continente si contano i danni della disinformazione, anche se il commissario Ue per la salute rassicura sui liquidi europei.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 21 al 27 luglio

In Gran Bretagna la sigaretta elettronica entra nel Libro Verde del governo in vista dell'obiettivo Smoke-free 2030, mentre negli Usa non si placa la polemica su studi falsati e diffusione giovanile. In Messico si registra il successo del primo festival del vaping ma in Cina il governo si prepara a inasprire la normativa.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 30 giugno al 6 luglio

Il Regno Unito festeggia il calo dei fumatori e la crescita dei vaper, in Germania gli esperti vogliono seguirne l'esempio e in Francia il fumo attira sempre meno giovani. Intanto in California Livermore seguel'esempio di San Francisco e infuria la polemica sull'ex commissario della Fda. In India il governo Modi sarebbe intenzionato a vietare le sigarette elettroniche.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 23 al 29 giugno

Un rapporto di Santé Publique rivela che in Francia 870 mila fumatori hanno smesso grazie all'e-cig e nel Regno Unito si chiede ai medici di raccomandare la sigarette elettronica. Negli Usa, invece, si apre la via del probizionismo con San Francisco che vieta la vendita dei prodotti del vaping, ma non quelli del tabacco.

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 9 al 15 giugno

Mentre in Nuova Zelanda il Ministero della salute sponsorizza un sito pro vaping, l'Fda americana stringe sui social media e detta regole punitive per l'industria. Juul finanzia la ricerca con 7,5 milioni di dollari e il governo indiano cerca di classificare l'e-cig come farmaco. In Francia e in Belgio crescono le spiagge che adottano il divieto di fumo, mentre la Svizzera dà il via libera allo snus.