Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Tabacco e sigarette elettroniche, l’Indonesia che non t’aspetti

È uno dei pochi Paesi asiatici a non aver ratificato la Convenzione quadro dell'Organizzazione mondiale della sanità sul controllo del tabacco e a consentire la pubblicità di tabacco e liquidi da inalazione.

Il governo indonesiano intende rafforzare le leggi sul controllo del tabacco per limitare il fumo dei minorenni, come riporta il Jakarta Post. E tra le varie disposizioni allo studio, il ministero della Salute sta cercando di controllare la promozione e il confezionamento delle sigarette elettroniche, che sono rimaste non regolamentate dalla loro legalizzazione nel 2018. Il ministero sta anche cercando di aumentare le dimensioni delle avvertenze grafiche sulla salute sulle confezioni di tabacco, portandole al 90% dal 40% dello spazio attualmente occupato, di vietare la pubblicità e la promozione dei prodotti del tabacco e di proibire la vendita di sigarette singole. Essendo uno dei più grandi mercati del tabacco al mondo e sede di numerosi produttori di sigarette, l’Indonesia ha da tempo una reputazione di lassismo nelle leggi sul tabacco. È uno dei pochi Paesi asiatici a non aver ratificato la Convenzione quadro dell’Organizzazione mondiale della sanità sul controllo del tabacco ed è anche l’unico Paese del Sud-Est asiatico che consente ancora la pubblicità delle sigarette in televisione e sulla carta stampata.

Articoli correlati
404 Not Found

404 Not Found


nginx/1.18.0