Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Sigarette elettroniche, Oms: “Prendete esempio dalla Corea del Nord”

Un esempio da seguire in materia di politiche per il vaping? La Corea del Nord. No, non è una barzelletta: è l’invito Jagdish Kaur, advisor dell'Organizzazione mondiale della Sanità.

di Barbara Mennitti

Un esempio da seguire in materia di politiche per il vaping? La Corea del Nord. No, non è una barzelletta. È l’invito dell’Organizzazione mondiale della Sanità espresso dalla sua advisor per la regione del Sud est asiatico, Jagdish Kaur, sulle colonne dell’Indian Journal of Public Health. Neanche a dirlo, la sigaretta elettronica nel Paese asiatico è vietata. Un verbo – vietare – con il quale l’Oms non riesce proprio a smettere di flirtare. Così come con le dittature, portate addirittura ad esempio per il resto del mondo.
Nell’introduzione al suo intervento, Kaur si dilunga su triti e ritriti – ma soprattutto superati – falsi miti sulle sigarette elettroniche: sono fatte apposta per indurre i giovani al fumo, la loro efficacia e la loro sicurezza non è stata dimostrata, non si possono escludere effetti negativi del vapore passivo, rinormalizzano il fumo. Come se il dibattito e la ricerca scientifica fossero ferme a cinque anni fa.
Kaur fa appello ai legislatori perché si equipaggino per affrontare l’epica sfida posta dagli strumenti elettronici per la somministrazione della nicotina. E poi il colpo di teatro: “Timor est, la Repubblica popolare democratica di Corea e la Tailandia sono stati i primi a vietare questi prodotti. Gli altri Paesi del sud est asiatico devono seguire il loro esempio”. Come farebbe il mondo a salvaguardare la propria salute se le dittature non gli mostrassero la giusta via?

Articoli correlati