Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Sacchetti di nicotina anche nei negozi di sigarette elettroniche

È un prodotto che vuole replicare lo snus svedese ma non contiene tabacco. La vendita potrà essere inserita nel computo della prevalenza.

Via libera dall’Agenzia accise, dogane e monopoli alla vendita dei sacchetti con nicotina destinati all’uso orale. Si tratta di un nuovo prodotto che nelle prossime settimane potrà essere regolarmente detenuto in tabaccheria, negozi autorizzati alla vendita di liquidi da inalazione, farmacie e parafarmacie.
La nicotine pouch, ovvero bustina di nicotina, è una sorta di snus senza tabacco. Sacchetti contenenti foglie aromatiche secche e sminuzzate alle quali vengono aggiunti sali di nicotina. Il consumatore potrà utilizzarla posizionando la bustina tra il labbro superiore e la gengiva all’altezza dei canini. La nicotina viene così assorbita attraverso la gengiva per circa mezz’ora. Sono disponibili varie gradazioni di nicotina, così come già accade per i liquidi per sigarette elettroniche.
In occasione della conversione in legge del decreto milleproroghe nello scorso mese di febbraio, al termine di un iter assai controverso, il parlamento ha approvato un emendamento che ne consente la commercializzazione purché avvenga sotto il controllo di Adm. Tramite una apposita determinazione direttoriale, il prodotto potrà quindi entrare sul mercato gravato di una imposta di consumo e dotato – a partire da gennaio 2023 – di contrassegno fiscale come accade già per tutti i prodotti del tabacco. Secondo le aspettative del Ministero dell’economia, la tassa gravante sui sacchetti di nicotina garantirà all’erario un introito di 1 milione di euro.
Anche i produttori di nicotine pouches dovranno sottostare a tutte le regole già esistenti che pesano sul commercio dei prodotti del tabacco: deposito o rappresentanza fiscale, comunicazione delle vendite quindicinali, registrazione nel portale dei codici autorizzativi.
I rivenditori autorizzati alla vendita di Pli dovranno inserire i sacchetti di nicotina nel computo della prevalenza delle vendite.

LEGGI ANCHE:

Sacchetti di nicotina, una norma che mortifica l’industria della sigaretta elettronica

Sigarette elettroniche, abbassata l’imposta sui liquidi di ricarica

 

Articoli correlati