CONDIVIDI

di Stefano Caliciuri

Ha stupito l’intera giuria inglese per l’innovazione e la fattura originale. Giuseppe Grimaldi e Andrea Pontiggia, celebri modder italiani del brand No Name, hanno conquistato la palma d’oro per la miglior mech mod del 2018. Il premio è stato consegnato a Birmingham in occasione della fiera dello scorso fine settimana. Ed in effetti la Check Mate, squonk mod, ha una linea ed un funzionamento meccanico sino ad ora mai visto, una vera e propria novità nell’ambito del bottom feeder.
La grande innovazione della Check Mate è la semplicità di utilizzo. E’ possibile infatti utilizzarla con una sola mano. L’impugnatura è ergonomica e i comandi sono utilizzabili semplicemente spostando le dita. Il contatto di erogazione elettrica si attiva premendo le dita contro il palmo della mano, mentre con il pollice è possibile azionare la leva per sfilare la boccetta. Ma anche tutte le altre operazioni, tra cui togliere la batteria e bloccare l’attivazione, sono possibili grazie ad intuizioni meccaniche che sino ad ora non erano mai state pensate e realizzate. E’ questo il vero punto di forza della Check Mate, oltre la gradevole linea estetica. Il nostro sogno – spiega Pontiggia – era realizzare qualcosa che riuscisse ad appagare la pura voglia di possesso, qualcosa che assumesse un significato diverso da ciò che usiamo ogni giorno, un oggetto di “uso comune” ma straordinario ed unico. Ogni Check Mate è composta da 38 pezzi a disegno realizzati dal pieno da acciaio 316, alluminio, argento, ottone, Peek e nylon. Una box meccanica pura con contatti in argento e ottone placcato oro, meccanismo di attivazione a leva (squeeze the box), pulsante di espulsione boccetta e blocco a vite”. Il blocco e il cambio della boccetta si effettuano con una sola mano, una grande innovazione che va nella direzione della semplicità di utilizzo e della sicurezza per il consumatore che non deve effettuare operazioni complesse o rischiose poiché molto spesso occorre sfilare le batterie per refillare la boccetta. Check Mate è personalizzabile con una serie pressoché infiniti di colori o materiali per il corpo box. Il peso complessivo – batterie escluse – è di 99 grammi. Un bel punto segnato dal Made in Italy in campo internazionale.