Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002

Aspire sceglie l’Italia per il lancio mondiale del K1 Plus

Notificato e conforme alla Tpd, disponibile sul mercato italiano a partire da venerdì 8 febbraio

Aspire, azienda leader nella produzione di sigarette elettroniche prevalentemente entry level, sceglie l’Italia per presentare e lanciare in anteprima mondiale il nuovo atomizzatore K1 Plus.
L’Aspire K1 Plus è un atomizzatore da 16 millimetri con una capienza di 1.9 millilitri e presenta tutte le caratteristiche tecniche necessarie per essere regolarmente commercializzato nel mercato europeo, così come richiesto dalla Direttiva sui tabacchi e prodotti liquidi da inalazione.
L’atomizzatore rappresenta l’evoluzione del bestseller di casa Aspire. Praticità d’utilizzo, pulizia e soprattutto sistema antisgocciolamento garantiscono al negoziante e al consumatore la certezza di avere tra le mani un prodotto in linea con i requisiti normativi. Sia il sistema di ricarica dall’alto che del ricambio della resistenza dal basso sono stati testati e certificati child-proof. L’atomizzatore sarà disponibile sul mercato italiano a partire da domani, venerdì 8 febbraio; sarà distribuito dalle aziende che hanno collaborato con Aspire alla realizzazione dei prodotti e richiesto la conformità alla Tpd: Svapoforniture, Must 500, Puff.
Matteo Besozzi (Svapoforniture) non nasconde la soddisfazione: “Finalmente ci troviamo di fronte ad un produttore cinese che comprende le problematiche del mercato europeo, decidendo di lavorare e collaborare a favore dei suoi clienti e partner. Ha aperto le porte della sua azienda ai nostri tecnici, con cui ha lavorato spalla a spalla, per trovare una soluzione concreta e nel minor tempo possibile. Il risultato è stato che in tempi rapidissimi abbiamo realizzato l’atomizzatore K1 Plus, totalmente in linea con quanto previsto dalla normativa europea”.

Articoli correlati