CONDIVIDI

di Stefano Caliciuri

Sul sito della Lega Italiana Antifumo è ospitato un intervento della professoressa Giulia Veronesi, figlia dell’illustre oncologo che con Sigmagazine ha avuto sempre un rapporto di disponibilità come dimostrano le interviste che ci ha concesso nel tempo.
Ora spetta alla dottoressa Veronesi, responsabile Chirurgia Robotica dell’Unità Operativa di Chirurgia Toracica dell’ospedale Humanitas, calcare le orme del padre, tanto che si è dimostrata assolutamente aperta alle nuove frontiere del vaping, sostenendone la diffusione soprattutto in ottica di riduzione del danno. “Le sigarette elettroniche – spiega Giulia Veronesi riportato da  Liaf – possono aiutare i fumatori a smettere e a ridurre i rischi legati al fumo di sigaretta convenzionale. Consentire ai medici di prescriverla come strumento per uscire dal tabagismo potrebbe aiutare anche a promuovere un uso sempre più controllato dello strumento“.