Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002
navigazione Tag

pubblicità

SVAPOWORLD – Notizie internazionali dal 5 all’11 maggio

La Nuova Zelanda avvia una campagna di sensibilizzazione per convincere i fumatori a passare all'e-cig; in Canada la Corte Suprema annulla il divieto di pubblicità dei prodotti del vaping. In Gran Bretagna, intanto, crolla il numero dei detenuti fumatori nelle carceri scozzesi grazie alla diffusione della sigaretta elettronica.

Sigaretta elettronica, fra nuova disciplina e vecchie sanzioni

Sebbene la nuova normativa fiscale dia al settore del vaping un quadro più equo, per l’operatore del settore rimane difficile districarsi fra norme, regolamenti e circolari confusi e di diversa derivazione. Ecco una panoramica delle diverse violazioni in cui si può incorrere e delle sanzioni previste.

Aams non fa sconti, segnalato sito web di British American Tobacco

L’Agenzia delle dogane e dei monopoli non guarda in faccia a nessuno. Nella lista dei siti oscurabili per inosservanza dei divieti di vendita a distanza – o pubblicità online – dei prodotti con nicotina è presente anche quello dedicato a Vype, la sigaretta elettronica della multinazionale British American Tobacco. Come si legge nel provvedimento firmato […]

Iqos3 esce anche in Italia e il Sole 24 Ore intona il peana

Non è mai carino parlare male di colleghi che scrivono su prestigiose testate. Però questa volta la misura è stata superata. Il Sole 24 Ore, testata di riferimento di Confindustria, pubblica un articolo di presentazione di Iqos3, il nuovo riscaldatore di tabacco di Philip Morris che in Italia sarà lanciato a metà novembre. Il testo […]

Aziende del vaping e credito d’imposta investimenti pubblicitari: moduli e scadenze

In considerazione delle numerose richieste di informazioni che stanno arrivando alla nostra redazione, si informa che il credito di imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali può essere richiesto da tutte le aziende, a prescindere dal settore merceologico e attività di appartenenza. Quindi, anche le aziende di produzione di liquidi e aromi per sigarette elettroniche, esercizi commerciali […]