Testata giornalistica destinata agli operatori del settore delle sigarette elettroniche - Registrazione Tribunale di Roma: 234/2015; Registro Operatori della Comunicazione: 29956/2017 - Best Edizioni srls, viale Bruno Buozzi 47, Roma - Partita Iva 14153851002
navigazione Tag

direttiva europea

Gli aromi alimentari nelle sigarette elettroniche fanno male?

Pubblicata su Scientific Reports una ricerca secondo cui l'inalazione degli aromi causerebbe danni ai bronchi. Ma poi i ricercatori mettono le mani avanti: "Gli esperimenti in provetta potrebbero non riflettere la reale esposizione umana alle sigarette elettroniche"

L’Europa tira le orecchie all’Italia anche sulle sigarette elettroniche

I liquidi senza nicotina e gli aromi non rientrano nella Tpd. Possono dunque liberamente circolare all’interno dell’Unione europea. Ma l’Italia, avendo sottoposto a monopolio tutti i liquidi da inalazione, avrebbe dovuto comunicare all’istituzione europea di aver inserito una ulteriore restrizione così da poter tenere informati tutti gli altri Stati membri. Contravvendo a questa norma, l’Italia […]

Sigarette elettroniche, proroga di cinque anni per la revisione della Direttiva tabacchi

La Commissione europea ha ottenuto una proroga di cinque anni delle sue competenze per attuare la direttiva sui prodotti del tabacco dell’UE (TPD), riservandosi il diritto di intervenire in futuro sugli aspetti normativi sulle sigarette elettroniche che non hanno ottenuto riscontri o necessitano di maggior chiarezza. In una relazione inviata al Parlamento europeo e al […]

Sigarette elettroniche, in commercio quasi 200mila prodotti in regola Tpd

Quasi 200mila prodotti del vaping sono stati notificati con successo al portale europeo Eu-Ceg. Per la precisione, sono 185.635 i prodotti sul mercato in linea con la Tpd. Aggiungendo tutti quelli che non necessitano di notifica (accessori, aromi e componenti singole) il numero supera il milione. Le cifre sono aggiornate al mese di luglio. Negli […]

Tpd, anche Big Ben ha detto stop

Anche il Regno Unito ha recepito la direttiva europea sui tabacchi e prodotti da inalazione. A differenza dell'Italia ha gia reso nota la tassa di registro che produttori, distributori e importatori dovranno versare per ogni prodotto notificato.